La torta con pesche e amaretti {o torta “persi pien”}

Torta pesche e amaretti_Posate Spaiate

La torta con pesche e amaretti o torta “persi pien” è per me una recente scoperta ma diventerà una abitudine perchè mi è piaciuta tantissimo. I “persi pien”, le pesche ripiene, sono un classico dessert piemontese in cui il guscio fresco e fruttato delle pesche accoglie un ripieno goloso e croccante con cacao e amaretti.

Le pesche ripiene si possono preparare tutta l’estate ma Settembre è secondo me il mese perfetto: le pesche sono alla fine della stagione, le giornate non sono più così calde e accendere il forno torna ad essere piacevole.

Il mio Settembre è stato un Settembre straordinario, diverso da qualsiasi altro: un mese in cui ho dato un milione di baci in più ed ho dormito decine di ore in meno. Un mese fatto di abbracci piccoli e fortissimi. Un mese in cui mi sono svegliata tante volte rintronata, come se avessi fatto serata e bevuto almeno due gin tonic, ma sempre con l’energia di una leonessa per ricominciare una nuova giornata.

La mia routine al risveglio è cambiata, al posto di occuparmi subito di me oggi preparo prima Anita: il cambio del pannolino del mattino è un piccolo rito in cui la lavo, la massaggio con l’olio di mandorle e scelgo quale tutina metterle. E’ il preludio della giornata, il momento prima della colazione in cui lei è particolarmente serena, sorride e sgambetta.

Anita ha compiuto un mese il 21 ed ha già raggiunto quasi 5 kg di peso: lo speravo e oggi posso confermare che è golosa e mangiona come me, faremo grandi cose insieme. Allattarla a richiesta è una esperienza intensa e importante: ci si sente uniche, insostituibili, responsabili. A volte sembra troppo: troppo faticoso fisicamente se la notte non abbiamo dormito abbastanza, troppo impegnativo mentalmente quando si ha la sensazione che il tempo sfugga di mano e che le pause tra le poppate siano troppo brevi per poter fare qualsiasi altra cosa, una doccia per esempio.

Ma sono solo momenti: i suoi occhi socchiusi, le labbra a cuore e quelle manine contro il mio petto ripagano tutto. E poi posso fare il bis a tavola senza sentirmi in colpa: durante l’allattamento mangiare bene ed essere appagati è importante, tanto quanto far sì che il bambino stimoli la produzione di latte con la suzione regolare.

Poco importa se non sono ancora tornata al mio peso forma: mi coccolo placidamente quei chili in più e mi godo quelle piccole rotondità che mi fanno sentire anche più femminile (e mi piaccio!).

Giorno dopo giorno sto riprendendo le mie abitudini: la settimana scorsa ho preparato questa torta, ho usato il mio nuovo forno Steel per la prima volta e ho tirato fuori la macchina fotografica e il cavalletto. Nonostante il procedimento sia abbastanza facile e veloce, i tempi di preparazione e di scatto si sono un po’ dilatati per alcune interruzioni, ma alla fine sono riuscita a sfornare senza fare disastri: la casa si è riempita di un profumo meraviglioso e scattare con la luce delle nuove finestre mi è piaciuto molto.

Torta pesche e amaretti_Posate Spaiate


Ingredienti per fare la torta con pesche e amaretti

  • 4 pesche gialle medio-grandi col pelo
  • 2 pesche noci piccole per decorare 
  • 200 gr di amaretti
  • 25 gr di zucchero
  • 25 gr di cacao
  • 5-6 savoiardi 
  • 1 uovo intero
  • zucchero di canna
  • burro per la teglia

Come fare la torta con pesche e amaretti

Frullate gli amaretti grossolanamente e tenete da parte.

Sbucciate le pesche e frullatele. Aggiungete i savoiardi spezzati grossolanamente, lo zucchero, il cacao e l’uovo e frullate ancora fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungere gli amaretti e amalgamate bene.

Imburrate e infarinate uno stampo da 18 /20 cm (oppure più stampi piccoli o monoporzione: io ne ho usati due da 13,5 cm e 4 da 8,5 cm di diametro ).

Riempire lo stampo con il composto e decorare con fettine di pesche noci, amaretti e zucchero di canna.

Infornate a 180° per 15 minuti (forno statico).

Diminuite la temperatura a 150° per 60 min o finchè i bordi della torta non saranno staccati dallo stampo (per le cocotte piccole ci vuole qualche minuto in meno).

Lasciate raffreddare e servire, si conserva 3-4 giorni in frigorifero.

Torta pesche e amaretti_Posate Spaiate


Note e suggerimenti

Questa ricetta mi è stata raccontata da una delle mie amiche del cuore, che l’ha a sua volta ricevuta in dono: le ricette si modificano e finalizzano ad ogni passaggio, in questo caso io ho aggiunto la decorazione in superficie con le pesche e zucchero di canna. Tu cosa cambieresti? e con quale altro frutto faresti questa ricetta? ho pensato alle pere… Fammi sapere cosa ne pensi qui sotto nei commenti.

2 thoughts on “La torta con pesche e amaretti {o torta “persi pien”}

  1. Ciao, visto che anch’io faccio spesso le persi pien (proprio le pesche ripiene) – e con gli avanzi di impasto riempio qualche cocottina e la decoro con le fettine di pesca – mi sono incuriosita nel leggere la tua versione! Completamente diversa dalla mia, a riprova del fatto che in ogni famiglia piemontese c’è una ricetta differente che arriva da tempi lontani. Sono le ricette che adoro di più! Complimenti per la tua bimba e per trovare il tempo per il blog! A presto, elena.

    1. ciao Elena, è proprio così: ogni famiglia, una ricetta e una storia diversa. Questa è l’immensa ricchezza della cucina e cultura italiana. Ce la metto tutta per restare attiva sul blog, è il mio primo figlio e non posso trascurarlo 😉

Rispondi