La pasta pomodoro, mozzarella e basilico

Pasta crudaiola_Posate Spaiate

Al caldo bisogna arrivare preparati: cosa non difficile per le persone che, come me, lo aspettano con impazienza tutto l’anno.

Ma ci sono buone notizie anche per chi si sentisse colto alla sprovvista dall’aumento improvviso delle temperature: prepararsi al caldo è molto più facile e immediato rispetto a quanto richiesto per affrontare il freddo, basta togliere ed alleggerire.

I vestiti si accorciano, le spalle si scoprono, le scarpe non possono che essere aperte (diciamo no agli stivali estivi!) e i profumi non hanno più alcool.

Anche in cucina vale più o meno la stessa logica: pochi ingredienti, freschi e di stagione sono sufficienti per preparare piatti gustosi e ricchi.

Pasta crudaiola_PS 3

Bastano pomodorini maturi, mozzarella e una montagna di basilico per condire la pasta alla crudaiola e assaporare i sapori dell’estate senza dover stare troppo ai fornelli. Di basilico in realtà ne basterebbe anche un po’ meno di una montagna, ma ad esagerare col basilico non si sbaglia mai.

Pasta crudaiola_PS 2


Per due persone

Ingredienti
  • 200 gr di pasta corta tipo rigatoni o mezze maniche (se siete molto affamati, altrimenti ne bastano 160 gr)
  • 1 mozzarella
  • Una decina di pomodorini datterini maturi ma sodi
  • 6/7 foglie di basilico
  • 3/4 cucchiai di Olio Extra Vergine Ligure
  • 1 spicchio d’aglio (se piace)
  • Sale, pepe verde

Come fare

Mettere a bollire l’acqua per la pasta.

Lavare i pomodorini e tagliarli a metà, togliere i semi in eccesso e poi tagliare ancora ogni metà in due, metterli in una ciotola capiente, salarli e lasciarli riposare.

Tagliare la mozzarella a cubetti e lasciarla sgocciolare in un colino.

Lavale e tagliare metà del basilico a striscioline.

Sgocciolare i pomodorini e aggiungere la mozzarella, il basilico, l’olio e se piace lo spicchio d’aglio tagliato a metà.

Scolare la pasta al dente e aggiungerla nella ciotola, amalgamare con il condimento crudo aggiungendo un paio di cucchiai di acqua di cottura se necessario. Terminare con il rimanente basilico, una macinata di pepe verde e, volendo, ancora un filo di olio crudo.

Obbligatorio, o quando meno raccomandabile, fare scarpetta con pane fresco per godersi il sugo fino alla fine.

hs-semaforo_verdeSemaforo verde: ricetta con un basso impatto ambientale (meno di 2 kg di CO2 equivalente per kg di prodotto finito). Scopri di più sul carbon footprint!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.