Parigi e il Boot cafè: una foto che si trasforma in emozione

Boot Cafè Parigi, acquerello
Pubblicità

L’anno scorso in primavera sono stata a Parigi per lavoro e mi ero ritagliata poco più di 24 ore per visitarla, da quel viaggio è nata una storia che ho deciso di raccontare per condividere una emozione. È in momenti come questo che si torna a dare importanza alle cose semplici: siamo fermi in casa, abbiamo paura della crisi imminente e delle implicazioni della pandemia. Quello che possiamo fare è tornare a sorprenderci per le emozioni semplici.

Camminavo con la testa fra le nuvole, un occhio al telefono per seguire il navigatore e un occhio ai negozi. Annusavo l’atmosfera e mentalmente prendevo appunti delle sensazioni: era primavera e anelavo ai primi tiepidi raggi di sole. 

La cosa speciale era che mi trovavo a Parigi e che stavo camminando verso Merci, un concept store di grande ispirazione che non vedevo l’ora di visitare. Lungo la strada ho alzato gli occhi: una vetrina azzurro polvere, l’insegna vintage, dentro scatole, buste di caffè da macinare, vasi di vetro, vecchie fotografie e poche persone. Fuori due sedute fluo. Ho scattato, impossibile resistere. La foto del Boot cafè con l’insegna CORDONNERIE è una di quelle che più amo del reportage di Parigi. Dopo averla postata su Instagram è successa una cosa bella.

Ho ricevuto un messaggio: Manuela stava lavorando al suo acquerello cercando dettagli nella mia foto, il progetto lo aveva cominciato ispirata da un altro scatto ma nella mia foto cercata maggiori dettagli dell’interno.

Pubblicità

Dopo poche settimane il postino mi ha consegnato una busta. Una delle buste più belle che io abbia mai ricevuto, piena di cura, di amore, di dolcezza. Ho aspettato giorni prima di aprire la busta, non volevo rovinarla, mi piaceva guardarla pensando che fosse stata dedicata a me.

Poi l’ho aperta, e mi sono vista: riflessa nella vetrina facendo una cosa che amo. Manuela ha intercettato il lieve riflesso di me, l’ha colto e gli ha dato valore.

Attenzione, tempo, dedizione, passione: tutto questo mi è arrivato insieme all’acquerello. Un regalo. Vero, disinteressato, puro e pieno di grazia. Quanto è rara la grazia al giorno d’oggi. E il mio cuore batte, gli occhi sorridono lucidi, la pelle freme. Sento una emozione bella, di quelle che fanno bene. Di quelle che danno un senso all’essere qui.

Manuela ama disegnare, vive in Svizzera, disegna per passione e regala emozioni. Si ispira alle foto per creare i suoi dipinti e bozzetti. Condividiamo l’amore per il bello e la costanza nel dedicarci all nostre passioni. Ci emozioniamo quando ci sono in ballo i sentimenti e crediamo nel valore e nel potere della famiglia.

Pubblicità

2 thoughts on “Parigi e il Boot cafè: una foto che si trasforma in emozione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.